Il-cielo-si-apre

Uno sguardo dentro

Quando si apri il cielo e una luce ne venne fuori tutto si illuminò, si sperava in un nuovo inizio. Le apparenze ingannano e ciò che era luce trasformo tutto in tenebre.

Fu in quel momento che si mostrarono.

Strane creature iniziarono a prendere possesso delle tenebre, nell’ombra manipolavano la luce.
Ribellarsi era inutile, nessuno poteva.

Perché tutto questo? Di quale colpa ci siamo macchiati?

Tutto quello che era nostro fu portato via.
Dalla libertà, dalla gioia, tutto si spense, ci ritrovammo in poco tempo incatenati.
Condannati.
Non c’è onore in questo.
Si divertivano con noi come fa il gatto col topo.
Siamo nati per questo?
Perché allora nascere?
Molti di noi hanno dimenticato i tempi della libertà. Nasciamo già schiavi, non conosciamo alternativa.
Nessuno ti comanda, nessuno ti guida, ma giungi fino a noi.
Abbiamo ancora una speranza.

Se ti arrendi noi siamo persi.

Vorrei averti qui, ogni giorno, guardarti negli occhi e pregarti di non arrenderti.Combatti per noi
So che stai attraversando un brutto momento, lo percepisco, noi non abbiamo più possibilità, ma tu puoi scegliere.

Non sei nato per fermarti, non sei nato schiavo, sei solo confuso.

Vorrei che vedessi tutto questo, ma non hai più occhi per guardare e lacrime da piangere.

Noi non esistiamo, siamo nel tuo cuore.

Oggi ci condanni a morte, domani alla vita.
Abbiamo bisogno di vivere, non puoi schiacciarci e tenerci nascosti.
Lasciaci emergere, siamo la tua parte più forte.
Non cercarci, noi esistiamo, siamo con te.
Perché tu possa capire chiudi gli occhi e ritorna a vivere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *