Gocce-di-memoria

Un nuovo passo verso i ricordi

Non capivo nemmeno perché mi fu mostrata quella pergamena, ero li per tutt’altro motivo, ma sembrava che quella era l’unica cosa importante.

La persona che mi mostrò quella cosa non mi conosceva, non sapeva nulla di me e pure disse di sentire che quel racconto era destinato a me.

Lo aveva tradotto da una lingua antica apposta per quando sarei arrivato.

Non sapeva se sarei mai andato li e non sapeva che volto io avessi, sapeva solo che mi avrebbe riconosciuto.

Mi fece promettere, di non leggere subito, di aprire quel piccolo quaderno solo quando sarei ritornato a casa (fece cosi perché sapeva le domande che le avrei fatto una volta letti  i suoi scritti e lei non poteva darmi le risposte che io cercavo), non nascondo la mia immensa curiosità, ero appena arrivato e dovevo trattenermi li per quasi una settimana, fortunatamente gli avvenimenti che susseguirono mi fecero dimenticare quel quaderno.

Quando rientrai a casa me ne ricordai immediatamente e cominciai a leggere ciò che mi era stato dato.

Infondo il mio blog si chiama “Il Misterioso Mondo” non sarei dovuto rimanere sorpreso da ciò che stavo leggendo, eppure mi colpì a tal punto da restarne stordito.

Tra poco lo leggerai anche tu e penserai che è frutto della mia fantasia e che sono bravo ad inventare storie, anche io penserei la stessa cosa se non fosse per il fatto che queste cose sono capitate a me.

Buona Lettura a te che passeggi insieme a me tra le vie di questo “Strano Mondo”

Giorni difficili

Erano giorni difficili, i guerrieri dei sogni impegnati in battaglie sempre più cruente contro i “Mostri” partoriti dalla mente dell’Uomo.

Uno  di quei guerrieri si è sempre distinto per la sua forza, per la sua freddezza e per la sua invulnerabilità .

Ad ogni colpo delle sue lame il “Mostro” più temibile cade.

Purtroppo possedeva quello che viene definito un pessimo carattere, non ascoltava nessuno, era buono, ma troppo preso dalle sue battaglie.

Addestrato dai “Guardiani del Portale” non aveva bisogno di nutrirsi e poteva cavalcare ogni dimensione a suo piacimento.

I Guardiani erano riusciti nel loro intento, avevano forgiato da un giovane fanciullo “Terrestre” il Guerriero dei Sogni più temibile che si fosse mai visto.

Un giorno, inebriato dalla sua forza, decise di porre per sempre fine a quelle battaglie.

Decisione Pericolosa

Riuscì a varcare l’unico portale che non poteva varcare, quello custodito dai “Guardiani” che lo avevano addestrato.
Nulla si poteva contro di lui, “I Guardiani” lo amavano come un figlio e non ebbero il coraggio di porre fine alla sua vita quando varcò la soglia inviolabile.
Provarono una grossa pena per la sorte che lo attendeva.

L’altro guardiano non sarebbe stato così clemente.

Si spinse nel mondo dove è custodita la sfera dei sogni.

Nessuno, varcato il portale era mai sopravvissuto per raccontarlo.

Un mondo deserto dove l’unica forma di vita presente è “Griamolf” un essere che le parole non possono descrivere.
Quel “Guerriero dei Sogni” riusci a mettere in ginocchio anche l’impenetrabile “Griamolf”.

Nulla lo avrebbe fermato, stava per distruggere la “Sfera dei Sogni” .

Credeva che distruggendola avrebbe privato l’Uomo che vive sulla Terra dei suoi sogni e non ci sarebbero stati più mostri da combattere.

I Guerrieri dei Sogni finalmente avrebbero potuto vivere la vita che gli era stata negata.

Non si rendeva conto che se quella sfera era stata messa li un motivo ci doveva essere.

Sfera dei Sogni

Di sicuro distruggendola avrebbe fermato i mostri, ma avrebbe anche condannato l’Umanità ad una vita senza sogni, avrebbe tolto la sicura posta dal “Dio di Tutte le Cose”.

Distruggendo la sfera gli uomini avrebbero ripreso a materializzare immediatamente i propri sogni e si sarebbero estinti nel giro di poche ore.

Già in passato un Guerriero dei Sogni arrivò cosi vicino alla sfera da toglierla dal suo piedistallo e la razza umana rischio l’estinzione.

Quando sollevò in alto la sua spada e sferrò il colpo che avrebbe distrutto la sfera, non riusci a portare a compimento l’opera.

Una mano alle sue spalle bloccò la lama.

Nel voltarsi vide ciò che si era narrato solo come leggenda.

I Tre Cavalieri di Dio erano stati inviati per fermarlo.

Erano così lucenti sui loro cavalli e con le loro armature d’oro che facevano sembrare la luce che lui emanava la fiammella di una candela paragonata alla luce del Sole.

Ci fu la battaglia più cruenta che avesse mai combattuto, nulla lo avrebbe fatto cambiare idea dal distruggere quella sfera, avrebbe sacrificato anche la propria vita.

Ci vollero le forze riunite dei “Tre Cavalieri” per ridurlo all’impotenza.

Il suo addestramento gli permise di non riportare nessun danno fisico, ma non era quello lo scopo dei “Tre Cavalieri Lucenti”.

Mandato sulla Terra

Lo immobilizzarono. Lo privarono della sua armatura e con un marchio  fiammeggiate a forma di uccello gli impressero il corpo.

Nel momento in cui fu marchiato perse la memoria e non pote più utilizzare i suoi poteri.

Fu immediatamente scaraventato sulla Terra,

Gli fu affidata una nuova battaglia, una battaglia che lui non era addestrato a combattere, ma imparerà a farlo vivendo sulla Terra.

Purtroppo mancavano molti pezzi a quella pergamena e la storia finiva con questa frase:

Se questo avverrà la sfera da sola si dissolverà perché più di nessuna sicura la mente umana avrà bisogno e trasformerà il mondo (La Terra) in un giardino fiorito dove regnerà per sempre la primavera.

Quest articolo segue un filo logico, qui puoi trovare l’intera storia: http://www.ilmisteriosomondo.com/la-storia/

4 pensieri su “Un nuovo passo verso i ricordi

  1. Beh, il nostro protagonista era terrestre ed è stato addestrato, visto che gli piaceva, dai Giganti a fare quello che si fa nel “loro” mondo, combattere i mostri dei sogni. Appena maturo, ma non maturo per combattere, ma per smettere di combattere, ha sconfinato, e ha “preso l’iniziativa” , da buon terrestre 🙂 , di cambiare le cose: non gli stava più bene questa cosa di distruggere mostri, non ne poteva più e ha deciso di farla finita, per il bee suo e di tutti.
    Qualcuno lassù deve aver sorriso quando questo è successo “ok, il terrestre è pronto.. andatelo a prendere” lo hanno preso; trattamento standard ( niente ricordi, niente poteri ) e via sulla terra! A fare la cosa veramente utile: l’abbiamo tolto dal telo dove i mostri vengono proiettati per portarlo dove tutto ha origine: direttamente nel proiettore: se devi risolvere un problema mica vai ad agire sulla sua proiezione, ma sulla “pellicola”, dove il problema viene creato e quindi dove i sogni vengono generati.
    Perchè lui? perchè è un terrestre, l’unico che può farlo. I giganti stanno bene lì, è la loro natura non possono decidere, lui si, è la SUA NATURA e quindi lo riamandano a “casa” a riolvere la situazione, visto che la VUOLE risolvere.
    Ora sta a lui con quello che ha imparato e visto, trovar le cause dei cattivi sogni forse i pensieri della gente, le insoddisfazioni e le paure , alla fine le visioni scorrette del mondo che ognuno ha che partoriscono simili mostri. Risolto questo qui mostri lassù saranno veramente pochi e i giganti ne avranno solo uno-due per colazione tanto per tenersi in allenamento e stanno meglio loro, e stiamo meglio noi. Buona fortuna terrestre! .. e presto, che qui non se ne può più! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *