Il Passato non può prevedere il Futuro

Non possiamo in alcun modo vedere il futuro, il passato ci è chiaro. Il Futuro è un libro ancora non scritto.

Nessuno, nemmeno il Creatore di questa dimensione lo conosce.

Creiamo e costruiamo da soli i nostri castelli e da soli li buttiamo giù.

Non abbiamo la facoltà di vedere la dimensione “tempo”, ma abbiamo la facoltà di vedere la dimensione “spazio”.

Camminando lungo una strada possiamo avere memoria solo di ciò che ci lasciamo alle spalle, possiamo vedere e toccare ciò che abbiamo davanti ai piedi, ma non possiamo vedere e toccare quello che c’è dopo cento passi.

Il tempo è cosi, ma quello che ci sarà dopo cento passi è determinato da noi.

Le previsioni, la visione del futuro è solo un illusione dei sensi dell’uomo.

La Chiave del Futuro

Tutti si affannano a leggere i segni del passato, i segni lasciati da antiche civiltà,  credendo che esse avevano la chiave del futuro.

Non avevano nulla, avevano una chiave,  ma era la chiave del loro futuro che per noi è già passato.

Sia che siano esseri di un altro mondo, sia che siano una civiltà fiorente del passato,  essi hanno raccontano solo la loro storia, non prevedono nulla.

Qualche volta hanno lavorato di fantasia, ma non lo facciamo tutti?

Immagina un uomo del futuro che legge un romanzo scritto oggi.

Quello, per lui, potrebbe essere un enigma indecifrabile, potrebbe credere, addirittura, che sia un testo “Sacro”

Siamo tutti a caccia di misteri e non comprendiamo che il mistero non esiste.

La chiave del futuro siamo noi, con i nostri pensieri plasmiamo la realtà.

Macchina del Tempo

Esisteva una macchina che si credesse fosse la “macchina del tempo”, essa invece amplificava le facoltà dell’uomo di materializzare la realtà. Chi la utilizzava credeva di vedere il futuro, invece lui stesso creava quel futuro nella sua realtà.

Oggi questa macchina è stata distrutta.

La storia di altri mondi, di altri esseri, di civiltà scomparse è affascinante, ma lasciamola nella storia, lasciamola nel mito.

Non pretendiamo che la storia scriva il futuro.

Stiamo camminando tutti su un terreno minato, vedo un grosso orientamento al catastrofismo, un grosso orientamento verso quella che viene definita la “Profezia Maya” .

Essi non avevano pretesa di profetizzare nulla, noi gli abbiamo attribuito questo potere.

Avevano uno strumento che per loro era utile e lo usavano.

Nessuno profetizza la fine del mondo dalle agende, eppure esse hanno un termine di datazione.


Troviamo un interpretazione nuova nelle cose del passato, troviamo un interpretazione di “Vita” e non di “Fine”

Uniamo la coscienza di tutti noi verso una vita migliore, verso un futuro roseo.

Uniamo tutti i nostri pensieri affinché ritorni l’Eden sulla Terra e non strane cose.

I pensieri creano la realtà.

Attento Viaggiatore, se qualcosa accadrà, quel qualcosa accadrà solo per chi ha deciso di credere che quel qualcosa accadrà.

4 pensieri su “Il Passato non può prevedere il Futuro

  1. Caro Viaggiatore, a volte può succedere che qualcuno VEDA pure il futuro…ma non sempre ci piace…
    Io personalmente preferisco che il domani sia una sorpresa…una bellissima e meravigliosa sorpresa…
    Ma perché ci sono persone (veggenti) che riescono a vedere l futuro?
    Io faccio o Parte della schiera degli ingenui che Crede che ognuno di noi è il creatore del proprio futuro attraverso i propri pensieri…(anche se a volte purtroppo qualche dubbietto si insinua…) ma soprattutto io in qualche modo sento che nel futuro ci saranno cose belle e che tutto in qualche modo si “aggiusta” e si incanala nella giusta direzione SEMPRE E COMUNQUE: TUTTO VA BENE SONO AL SICURO E SONO PROTETTA DALL’UNIVERSO!!!!!

    1. @Grace: e cosi deve essere, dal futuro bisogna aspettarsi sempre il meglio, ma soprattutto bisogna vivere il presente come un esperienza meravigliosa. Infondo quello che conta è l’oggi.

    1. @Muumi: Io credo che tutto abbia valore come nulla ne abbia. E’ solo ciò a cui noi scegliamo di credere che acquista valore. Il Mondo è solo una nostra proiezione Animica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *