Due Demoni nella vita di ogni Uomo

La prima volta che lo incontriamo siamo solo bambini, lui si presenta, fa sentire il suo potere e poi è pronto, quando meno ce lo aspettiamo, a tornare fuori, a tenderci un agguato.
Sono due i Demoni che accompagnano l’Uomo l’ungo il percorso chiamato vita.

Uno può diventare un consigliere prezioso (ma non abbassiamo mai la guardia) e l’altro va assolutamente sconfitto e ricacciato da dove è venuto.
O lo si vince o si diventa suoi schiavi e saremmo tormentati da lui per il resto della vita.

Conosciamo il Demone

Oggi parleremo del demone che va assolutamente vinto e lo chiameremo per comodità “Fear”
Prima di proseguire sappi che il Male è un invenzione dell’Uomo.
La creazione è perfetta, è solo Amore.

L’Uomo prende il bene, lo divide in due parti e dice che una delle due parti è il male.

Anche i Demoni sono uno degli aspetti dell’Amore Universale.

Il diavolo in aramaico è definito stra’ ahra’ cioè “l’altro punto di vista”.
“Fear” si presenta a noi quando siamo in tenera età, esso ci appare e ci sottopone ad un test per vedere come rispondiamo alle sue provocazioni.
Quando si mostra a noi ,per la prima volta, dà subito sfoggio delle sue abilità e verifica come rispondiamo all’Inganno, al Ricatto e alle Minacce.

Data la nostra giovane età dimentichiamo quest’incontro.

“Fear” ha fatto la sua presentazione e ha imparato a conoscerci, se sappiamo ascoltare ci rivela anche il suo nome, che sarà un indicazione preziosa per la futura battaglia.

Vincere il Demone

Nel corso del nostro cammino si mostrerà più volte attaccando nei punti deboli che ha scoperto nel primo incontro.
Tanto più eviteremo di guardarlo negli occhi, tanto più gli dimostreremo paura, tanto più duramente attaccherà.

Inutile fuggire.

Chi scappa vive un esistenza nella paura di incontrarlo.

Dobbiamo prepararci per quando sferrerà il suo attacco, fortifichiamo i nostri punti deboli.

Si nutre di Odio, Paura, Rancore e se noi lo alimentiamo con questi sentimenti sarà una battaglia durissima.

Quando ci tende un agguato guardiamolo dritto negli occhi, non esitiamo un istante.


Per vincere un Demone bisogna diventare il Demone.

Un Uomo non può vincere una tigre a mani nude. Per vincere la tigre un uomo deve diventare tigre (coraggio, zanne e artigli).

Quando si diventa il Demone bisogna non farsi divorare dal potere che si prova altrimenti si resterà il Demone per sempre.

Diventando il Demone cerchiamo di sovrastare la sua rabbia, il suo odio con un sentimento chiamato Amore Universale che brucia di una fiamma che consuma.


E’ un Amore che non può essere spiegato con le parole, è Amore che Brucia. 

“Fear” per non soccombere, bruciato dall’Amore Ardente, uscirà da noi e fuggirà per sempre nelle viscere della terra da dove è venuto.

Questo è l’unico modo per vincere la battaglia con “Il Demone Fear” ed è necessario vincerla.

Molti uomini sono consumati da “Fear”, vivono e muoiono rimanendo suoi schiavi.

Nessuno può aiutarti nella lotta contro il ” Tuo Demone ”, puoi essere aiutato a fortificare i tuoi punti deboli, ma quando deciderai di affrontarlo sarete solo tu e lui.

Da questa battaglia non si fugge: Si Vince o si è Schiavi.

Se ho toccato la tua sensibilità, con quest’articolo, mi scuso, ma oggi è arrivato il momento che tu faccia un ulteriore passo avanti, se vuoi evolvere, se vuoi che la tua vita sia un giardino fiorito dove regni la primavera guarda negli occhi il tuo “Demone” e Vinci.

La mia Battaglia


Ricordo ancora il giorno che decisi di sfidare il mio Demone, non aspettai che fosse lui a fare la prima mossa, non aspettai che conducesse lui l’attacco.

Lo guardai dritto negli occhi e per un breve istante rimasi sconvolto.

Scoprii che non era un unico demone, era una sola entità che incarnava molti demoni, ma ormai ero deciso ad affrontarlo e avanzai.

Lo attaccai come uomo e lui si fortificò nutrendosi delle mie paure, fu una lotta durissima, quando lui stava per prendere il sopravvento io mi ricordai che per vincere un demone bisogna essere un demone.

Raccolsi le mie forze e divenni il demone. Lo attaccai e vidi nei suoi occhi la paura. Ora ero io a nutrirmi della sua e quando tutta la sua paura affluì in me io divenni fortissimo, ma divenni quel demone.

Ora avevo tanto potere, un potere che mi inebbriava, avevo il potere del Demone, ero il Demone che decisi di combattere.

Non potevo restare quella creatura altrimenti sarei diventato io il demone di qualcun altro.

L’unico modo per scacciare “Fear” da me era richiamare l’Amore per tutte le cose.

Richiamai l’Amore per un battito d’ali di un bruco che diviene farfalla, l’amore per ogni singolo respiro, l’amore per un singolo raggio di sole, l’amore per una goccia di pioggia.

Bruciavo nella “Fiamma dell’Amore che consuma”.

Il Demone non riuscì a sopportare quel tipo di fiamma, ne sarebbe restato consumato e fuggì da dove era venuto.

Io non mi accorsi, ma quando lui uscì da me acquistai un potere ancora più grande, ma questo era un potere ne buono, ne cattivo.

Acquistai una nuova forza perché vincendo il mio Demone avevo riunito le due Facce dell’Amore.

Scoprii che “Fear” era la faccia nascosta dell’Amore Universale.

17 pensieri su “Due Demoni nella vita di ogni Uomo

  1. la paura e’ insita nell’uomo come tu sostieni gia da bambini ,e trascini la paura alimentandone il suo potere come ?semplicemte sempre con la paura ,altro non e’ che insicurezza ,sentirsi non adeguati .Pero’ un demone non si sconfigge diventando te un demone forse e qui l’inganno ,la sconfitta al male e’ il bene l’unico modo per le sconfitte e’ non combattere ad armi pari ,il male non si sottrae al male il mezzo e’ la forza non limitandone le qualita’ in noi ,si puo guardare senza esserne sconfitti riconoscendone i limiti e rafforzandone i punti deboli ciao Arianna

    1. @Arianna: Non si vince un Demone diventando il Demone se uno crede che il Demone sia il male. A volte il Demone è la via. Un Demone è solo la faccia nascosta di Agape.

      1. inteso come dualita’ di bene e male ? la mia forza e’ intesa al positivo,non ho mai pensato diversamente .e’ verissimo su Agape, e a volte il demone e la via vero anche questo ,ma forse o abbiamo concetti diversi o non mi son fatta comprendere io , comunq e’ molto gradevole e’ interessante il tuo articolo quanto te by Arianna

        1. @Arianna: Grazie, effettivamente non avevo ben compreso il tuo messaggio, colpa mia che lo avevo letto troppo velocemente. Ora rileggendolo con calma comprendo cosa volevi dire. 😉

  2. Lacrime dal mio cuore sgorgano copiose…arrivi puntuale, nel momento in cui più ne avevo bisogno. Grazie Bragkor, spero che tu senta quanto mi sei stato d’aiuto. Riconoscente.

    1. @Michela:Non so in cosa ti sono stato d’aiuto, ma sono felice di esserlo stato. Infondo non serve nemmeno saperlo, basta esserlo. Grazie

  3. grazie a te per avere compreso ,se voglio regalarti un sorriso dove le trovo le faccine ?mi spiace solo il sorriso e’ virtuale ma l’intenzione e’ molta..mi piace la prima immagine dell’articolo dove ce il viso di una giovane donna a parte gli occhi rossi ,forse mi vengono quando mi …arrabbio un po’ eheheh mi hai sognato ?ho fatto caso ora all’immagine ,incredibile ..

    1. @Arianna: Per fare le faccine devi usare i simboli della tastiera, questi : – ) per esempio, messi di seguito, fanno una faccina sorridente 🙂 .

      mi piace la prima immagine dell’articolo dove ce il viso di una giovane donna a parte gli occhi rossi ,forse mi vengono quando mi …arrabbio un po’ eheheh mi hai sognato ?

      Chi sa è possibile.

  4. Si, sto lottando e credevo di essere forte, ero fiera della mia forza che sentivo nell’amore che mi inondava e che mi faceva vibrare, volare. E poi, senza segno, mi sono sentita zero – forza. Mi sono ritirata senza sentirmo colpevole, come per aspettare qualcosa. Non so cosa, non so perche’ mi sento imobile, perche’ ho lasciato la mia guardia giu’, non capisco piu’ niente. Non ho paura, ma mi sento delusa di me stessa e confusa, perche’ so quello che ho da fare, e’ tutto pianificato, per costruire la prova che la mia lotta e’ efficiente, ho trovato la motivazione e lo strumento – quindi ho armi e nutriente per lottare, invece sto. Mi vergogno di accettarlo, ma vorrei capire cosa succede? Non mollero’, questo e’ tutto quello che so.

    1. @Daniela: Mai mollare, per ottenere bisogna essere testardi, di tanto in tanto osservare la strada che si sta percorrendo e se è il caso apportare qualche modifica. Grazie per la tua condivisione. 🙂

  5. io i demoni li vedo ogni volta che sono di turno di notte e’ quello che c’e’ in foto, sto pensando di conbatterli il sabato notte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *