Il pensiero crea la realta

Osservatore, Partecipante o Estraneo, tu chi sei di questi tre?

Un nuovo enigma oggi si scioglierà e la tua mente dal buio vedrà la luce.

Grazie ai nostri sensi percepiamo quella che definiamo realtà.

Con i nostri pensieri creiamo la realtà.

E’ stato dimostrato che anche gli animali hanno la facoltà di creare la propria realtà.
Quindi mi chiedo:

Se nessun uomo, se nessun animale fosse presente sulla Terra, il nostro pianeta esisterebbe lo stesso?

Io credo di si perché il pianeta Terra non è una nostra creazione.

Esiste sicuramente una dimensione dove la Terra non è stata creata, come esiste una dimensione dove la Terra non è abitata da uomini.

Esistono tante dimensioni quante ne puoi concepire.

Quindi la frase “creare la realtà con i pensieri” non è propriamente corretta. Sarebbe più giusto affermare:

“Scegliamo la realtà con i pensieri”

Nella scelta della realtà influiscono diversi fattori che non dipendono da noi, la nostra capacità decisionale è dirottata dalle “entità energetiche”

Sceglieresti mai, consapevolmente, di trovarti coinvolto in un evento catastrofico?

Eppure c’è chi inconsapevolmente lo sceglie.
Io, molto tempo fa, scelsi di non guardare più telegiornali e di non leggere più quotidiani.
Scelsi volutamente di essere un “estraneo” per non restare coinvolto in eventi sgradevoli frutto della manipolazione ad opera delle “entità energetiche parassite”.

Poi c’è chi agisce da “osservatore”, è colui che vede gli eventi sgradevoli alla TV, li legge sui giornali, ma non ne resta coinvolto personalmente, questo non si focalizza sugli eventi sgradevoli, non gli presta minimamente attenzione. Gli entrano da un orecchio ed escono dall’altro.  In questo modo non ne resta vittima, ma continua a vederli intorno a se.

Bisogna prestare attenzione perché il passo da “osservatore” a “partecipante” è molto breve.
Se “somatizzi” eccessivamente gli eventi sgradevoli rischi di portarli nella tua realtà. 

E’ veramente accaduto ?

Forse in un altra dimensione Si, ma non è questo quello di cui ti voglio parlare.

Voglio raccontarti un episodio, che narrerò, per essere più chiaro nell’esposizione, come se ne fossi io il protagonista:

Qualcuno affermava che Il “sismologo” Bendandi aveva previsto per l’11 maggio 2011 un grosso terremoto che avrebbe devastato tutta Roma.

Anche tra gli scettici cominciò ad esserci un po’ di paura, tanto che la città per quella data rimase quasi deserta.

Io ero tra gli scettici, ma organizzai il mio piano di evaquazione.

Iniziai, quasi un mese prima della presunta data, a prendere le mie precauzioni:

La sera prima di andare a letto riponevo le chiavi dell’auto, le chiavi di casa, portafoglio e cellulare in un marsupio, cosi, in caso di fuga improvvisa avrei avuto tutto sotto mano.

Dormivo in tuta e con le scarpe da ginnastica vicino al letto.

Mi organizzai per restare molto, ma molto lontano da Roma per quella data.

Contattai alcuni alberghi del nord Italia per trascorrere, lontano da Roma, i giorni compresi tra il 9 e il 15 maggio.

Cominciai a visualizzare e ad immaginarmi lo scenario del terremoto.

Lo vivevo nella mia mente, era come un film.

Mi vedevo andare via da Roma, vedevo me ritornare e trovare le strade distrutte. Fortunatamente nella mia testa non ne restavo coinvolto, ero quasi uno spettatore sulla soglia di diventare partecipante.

Sai cosa mi accadde?

Il terremoto non ci fu, ma si ruppe una tubatura dell’acqua vicinissima a casa mia e provocò una profonda voragine, ci vollero 5 giorni per riparare la tubatura e risanare la voragine.

Tutto questo inizio ad accadere Il 9 maggio.

A questo punto l’albergo era prenotato, la mia piccola catastrofe personale l’avevo attratta, non mi restava che trascorrere lontano da casa quella settimana.

In poche parole si avverò tutto quello che avevo immaginato, fortunatamente senza conseguenze.

Credi che sia stata solo una coincidenza?

Osservatore, Partecipante e Estranei lo siamo tutti.
Consapevolmente dobbiamo riuscire a essere Estranei alle situazioni non volute, Osservatori di tutte le cose che vogliamo attrarre e Partecipanti delle migliori benedizioni dell’universo.

11 pensieri su “Osservatore, Partecipante o Estraneo, tu chi sei di questi tre?

  1. Confermo! A me è accaduta una vicenda che avevo immaginato e vissuto nell’immaginazione solo 24 ore prima con una precisione di particolari che mi sono chiesta se fosse stata attrzione o premonizione

  2. E’ parecchio complessa a volte la cosa….diciamo che per quanto riguarda disastri ambientali o eventi di massa basta evitare di leggere giornali e guardare la tv magari….ma al proprio quotidiano non si sfugge, continuamente siamo messi di fronte alle nostre creazioni e tutto ciò ci serve per vedere che cosa abbiamo dentro, soprattutto a livello di condizionamenti o schemi automatici….in realtà è un aiuto…altrimenti come faremmo a sapere come sta andando la nostra creazione e se magari dobbiamo “correggere il tiro”?
    Comunque riguardo alle realtà, vite parallele e simile, circa due settimane fa ho fatto un sogno dove mi veniva mostrata chiaramente la creazione di due linee parallele con due realtà dove cambiava un solo aspetto importante…in una ero coinvolta in un incidente stradale…in un’altra no….la mia consapevolezza faceva la differenza e anche il fatto che mi trovassi su una linea o su un’altra…tralascio i dettagli per non dilungarmi….ma questo sogno e la voce che mi parlava e mi spiegava mi hanno colpita tantissimo….

  3. @Francesco: Se ne ha sempre più la conferma. 😉
    @Flyda: In effetti le premonizioni potrebbero essere i nostri pensieri che si materializzano.
    @Vale: La realtà funziona come nel tuo sogno, tante linee e i pensieri ci spostano da una all’altra. Hai sognato il funzionamento della “Matrice Universale”
    @Rocco: Hai colto nel segno 😉

  4. Perché a me succede al contrario? Se penso che una cosa potrebbe andar male alla fine si conclude in bene, invece, se penso in positivo mi ritrovo poi in drastiche situazioni… Boh!

    1. @Peter: Quello che accade a te accade a molti, non ho molti dettagli sul tuo processo di materializzazione inverso, ma in genere, ciò che ti accade è dovuto alle forze equilibratrici.

  5. grazie della presenza.
    Per quello che mi riguarda vedo come alcune manifestazioni hanno a che fare con cambiamenti, percorsi di crescita, che non sempre riesco a comprendere immediatamente.. ci sono gli eventi e le cose che apprezzo, vedo bene come si manifestano, ma ci sono altri eventi, connessi fra loro, che sembrano suggerire.. invitare.. come dirigermi lungo un sentiero… io seguo, a volte mi oppongo ma se seguo le cose vanno da sè.. e imparo quello che serve.

  6. Non ti avevo ancora ringraziato per la tua risposta…quando mi hai scritto che ho sognato il funzionamento della “Matrice Universale” ho avuto la classica “folgorazione” nella mente poichè ho trovato la conferma di ciò che inconsciamente avevo compreso ma che razionalmente non sapevo spiegare….
    Mi mancano ancora dei tasselli del puzzle però…voglio trovare il modo di essere cosciente di quando mi sposto su un’altra linea, di come farlo in piena consapevolezza….
    Beh, intanto grazie, a volte con certe tue risposte mi dai delle informazioni preziosissime…
    Ciao 🙂

  7. Mi sembra tutto alquanto minimizzato. Dimentichi di parlare di coscienza e di quello che possiamo, tramite il “pensiero” frutto della ragione che si attiva grazie ai sensi, percepire di essa. ^___^

    1. @Elena: Sono concetti, che ance se sembrano semplici a prima visto, nascondono una certa complessità. La cosa migliore da fare è procedere per gradi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *