Altalena

Legge d’attrazione: Non devi attribuire Importanza a Nulla

Allunga la mano e scegli ciò che vuoi da questo mondo. E’ cosi semplice, allora perché non lo fai “Viaggiatore” ?

Si onesto “Viaggiatore”, La Legge d’Attrazione con te funziona?

Certo che funziona, ma perché funziona solo con le piccole cose senza importanza, tipo quando vuoi trovare parcheggio sotto casa?

Hai mai attratto la casa dei tuoi sogni? Hai mai attratto un bel assegno? Hai mai attratto un automobile?

Hai mai attratto qualcosa d’importante?

La chiave è proprio “L’Importanza”, non puoi attrarre qualcosa che per te è veramente importante.

L’Assegno non lo puoi attrarre a prescindere, alla tua Anima non serve un foglio di carta con scritti dei numeri.

The Secret il messaggio nascosto

Anche gli autori di The Secret, involontariamente, fanno capire che si “attrae” appena l’Importanza cala.

Nel film o nel libro non si fa alcun accenno alla necessità di abbassare l’importanza, ma si fa un esempio: Un personaggio immagina la casa dei propri sogni, la visualizza, ritaglia da un giornale la foto della casa che gli piace, ma questa non arriva. Passa del tempo (se non sbaglio alcuni anni), si è dimenticato della casa che desiderava.

l’importanza è calata quasi a zero

Trasloca in una nuova casa e da uno scatolone spunta fuori la foto ritagliata dal giornale e si accorge che è andato ad abitare proprio nella casa dei suoi sogni.

Quando la casa non è stata più “importante” è riuscito ad attrarla nella sua vita.

Non attribuire importanza a qualcosa che si vuole, a qualcosa che si desidera è davvero difficile, ma non impossibile.

Non è necessario annullare completamente l’importanza, ma quanto più la si abbassa, più facilmente si ottiene ciò che si vuole.

La legge dell’equilibrio

Non possiamo negare che il mondo in cui viviamo tende all’equilibrio, è come se ci fosse una forza esterna che ha il compito di equilibrare le cose.

Ovviamente questa forza interviene solo quando si è creato un notevole squilibrio.

Un equilibrio perfetto non è possibile raggiungerlo altrimenti tutto si fermerebbe. Esiste l’alta e la bassa marea, quando la marea diventa troppo “alta” le forze dell’equilibrio intervengono indirizzando la marea nella direzione opposta, “la bassa marea”.

Quanto più alta sarà stata la marea, tanto più si abbasserà.

Immagina un bambino che va in altalena, può andare troppo in alto sia in un verso che in un altro, ma quando è arrivato troppo in alto inevitabilmente la rotta si inverte. Per spingerlo sempre più in alto occorre sempre più forza e quando questo ritorna giù ci è quasi impossibile fermarlo, arriva come una valanga. L’importanza è come la spinta che diamo all’altalena, quanta più forza mettiamo tanto più in alto andiamo, anche nella direzione opposta alla spinta.

Se andiamo in avanti non abbiamo problemi, il sediolino, grazie alla spalliera, non ci fa scivolare all’indietro. Quando l’altalena, invece, torna indietro, davanti a noi non abbiamo nessuna protezione e se va troppo in alto scivoliamo e cadiamo con la faccia nella sabbia.

E’ meglio restare fermi in altalena?

No, nessuno si diverte su un altalena ferma, è meglio farla dondolare con moderazione in modo da non rischiare di cadere, oppure mettere un bel materasso morbido ad attutire la caduta.

Se attribuiamo troppa importanza a qualcosa creiamo uno squilibrio, ora le forze dell’universo hanno il compito di ristabilire l’equilibrio e faranno in modo di allontanare l’oggetto da noi.

In questo modo l’equilibrio viene ristabilito?

In un certo senso SI. Diventiamo tristi, frustrati perché percepiamo lontano il nostro oggetto e non riusciamo più ad attrarlo.

Purtroppo questo è un gioco deleterio per la nostra Anima, se cade troppo spesso dall’altalena, l’Anima si arrende e scende. Il gioco non è più divertente.

Come evitare le forze Equilibratrici

Le forze equilibratrici non si possono evitare, non si può creare un equilibrio perfetto. Gli alti e i bassi della vita non si possono evitare, solo attutire, basta non spingere troppo forte l’altalena.

In una situazione ideale abbiamo due modi per essere in equilibrio:

  1. Attribuire la stessa, identica importanza a “tutto”.

    Puoi attribuire lo stesso grado d’importanza a tutto?

    Ovviamente No. Quindi questo è un metodo impossibile da applicare.

Passiamo al metodo numero due

  1. Abbassare l’importanza in modo da non scatenare le forze equilibratrici. Mi spiego meglio con un esempio che già ho fatto in risposta al commento di “Mara”:

    Quando non abbiamo ciò che vogliamo quel qualcosa per noi è “importante”. Lo vogliamo raggiungere al più presto, in poche parole lo “bramiamo” e restiamo delusi ogni giorno che passa se non lo otteniamo. Tutto è diverso quando vogliamo qualcosa che ci è molto accessibile, non lo bramiamo, lo trattiamo quasi con indifferenza.

    E’ importante per te comprare il quotidiano in edicola?

    No, se lo vuoi vai li e lo prendi e se non lo trovi non te ne “importa” nulla. In questo caso immancabilmente lo trovi, ottieni il tuo giornale.

    Questo Intendo per non “attribuire importanza”.

    Mentalmente è molto difficile fare questo, è difficile controllare i sentimenti e se pur ci riusciresti cadresti preda delle forze equilibratrici perché, per te, è “Importantissimo” controllare i sentimenti.

Allora cosa fare?

Creare un alternativa, ti faccio qualche esempio:

Vado nell’edicola sotto casa a comprare il giornale, se non lo trovo lo compro in un altra edicola.

Voglio una Villa con piscina, ma anche in un attico panoramico posso stare divinamente.

Voglio quella fantastica auto sportiva, ma in fondo anche un altra auto adempie bene alle stesse funzioni. Tutte le auto ti portano da un luogo all’altro.

L’importanza cala e la tua Anima ottiene il suo giocattolo. Più felice è l’Anima più forte fa soffiare i suoi venti, più forte soffiano, più velocemente ottieni ciò che vuoi.

Conclusioni:

Non possiamo sfuggire alle forze equilibratici, possiamo sfuggire alla forza di gravità, ma ad esse no.

Controllando l’importanza possiamo tenere al minimo le “forze equilibratrici” ed evitare che l’altalena quando va nella direzione opposta vada troppo in alto e ci faccia fare una rovinosa caduta.

Non possiamo non attribuire importanza a qualcosa se prima non ci creiamo un alternativa.

Se l’importanza verso un oggetto è minima evitiamo di generare

“I figli dell’Importanza” e la nostra Anima resta serena, felice e sempre al nostro fianco.

Chi sono i “Figli dell’Importanza?

23 pensieri su “Legge d’attrazione: Non devi attribuire Importanza a Nulla

  1. Condivido molto quanto hai scritto e mi piace molto il “creare un’alternativa”
    Dare importanza a qualcosa solo se c’è un alternativa, ti dà serenità’. Ottimo consiglio!
    Quando ci dici cosa sono “i figli dell’importanza”?
    Io penso ansia,stress, attaccamento e dipendenza….

  2. Io invece ho ottenuto molte cose che desideravo, materiali e non, desiderando con la massima intensità la cosa e ritenendola importantissima! Non ero assolutamente distaccata, anzi tutto il contrario! E mi succede ancora così! Non è che magari come al solito ognuno deve trovare il “sistema” che funziona meglio per sè e che non esistono teorie valide e con gli stessi risultati per tutti?

    1. @Vale: Ovvio che non esiste un metodo assoluto, io espongo un metodo che ha funzionato per la maggior parte delle persone che ho intervistato, ovviamente ho dovuto leggere tra le righe il loro racconto. Mi chiedevo una cosa: Tu Bramavi quegli oggetti o ti limitavi a visualizzarli con sentimenti positivi?

    2. Bellissima esperienza la tua Vale,mi e’ piaciuto molto il tuo commento.Penso anch’io che ognuno trovi la cosa che funziona meglio per se,ma comunque credo che siamo soggetti tutti alle stesse leggi.La mente crea la nostra realta’ attraverso immagini,se aggiungiamo anche sentimenti,la cosa diventa ancora piu’ potente.Secondo me il tuoi non erano desideri tipo vorrei questo,lo devo avere.Perche’ questo creerebbe un sentimento dentro di te che la cosa ti manca e questo produrrebbe la mancanza anche’ al di fuori di te.I tuoi sono proprio sentimenti del tipo e come se fosse gia’ qua ed e’ bellissimo!Vero?Bella esperienza!senti che ti manca e fuori ti manchera’,senti che ce l’hai e per forza si deve manifestare nella realta’.

  3. @Bragkor
    Bramavo quelle cose, le volevo assolutamente, altro che alternative! 😉 Era desiderio all’ennesima potenza! 🙂 Lo so che magari è attaccamento, ma non mi andava bene un’altra cosa…io volevo proprio quella….e non riesco a far calare l’importanza e portarla quasi a zero….o è importante o non lo è per me, se una cosa non è importante nemmeno ci penso o la desidero, insomma non le dò energia….sinceramente mi sembra anche molto difficile far calare l’importanza di una cosa che si desidera tantissimo senza cadere nel pessimismo e rassegnazione…ovviamente tutto quello che ho scritto è solo la mia esperienza…
    Comunque sono sicura che il tuo metodo e i tuoi spunti saranno utili ad altre persone, altrimenti non si sarebbe nemmeno manifestato questo post, he he he 😉

  4. Allora sono sulla via giusta per attirare quello che mi serve ma alla quale sto dando sempre meno importanza, ormai non ci penso quasi più.
    Solo qualche anno fa mi sono ammalata, o meglio il ,mio corpo mi ha dato dei segnali inequivocabili del mio malessere interiore e così sono arrivata ad oggi che le cose che faccio sono tante e mi si presentano tutte da fruire gratuitamente.
    Tu dici “non è necessario annullare completamente l’importanza, ma quanto più la si abbassa, tanto più facilmente si ottiene ciò che si vuole”
    Avrai capito che sto parlando dei soldi; sono mesi che vivo con i soldi indispensabili e non penso più al rosso in banca o alle cose scadute dimenticate nei cassetti.
    Forse sono arrivata a un punto critico perchè comunque i soldi servono, per pagare le bollette o l’affitto o la rata del prestito in banca, non ci sono altri modi, però non ne faccio più una malattia e vivo bene e più serenamente.
    A questo punto l’Abbondanza materiale sicuramete è sulla via per arrivare da me, che ne dici?
    Bell’articolo comunque, ho scoperto stamani il tuo sito e sicuramente continuerò a seguirlo.
    A presto e grazie.
    Rosa

    1. @Rosa: Grazie la tua è una delle testimonianze più sincere che ho mai letto, non lo capisco solo dalle parole, ma dalle vibrazioni che emana il tuo messaggio. I soldi sono davvero un discorso molto complicato, sono stati fatti per non essere attratti e per creare sempre quella sensazione di mancanza. L’Abbondanza materiale è già alla tua porta, devi trovare dentro di te la chiave per aprire quella porta. In questi tre giorni che vanno dal 28 al 31 ottobre cerca di evitare il più possibile il contatto con i soldi, non portarli con te, non tenerli vicini. Siamo in una fase molto particolare, cerca di espandere la tua energia verso ciò che vuoi, immagina che hai tutto a disposizione, allunga la mano è prendi. Amplia la zona del tuo benessere. Dopo il 31 ottobre puoi ripartire dal punto zero.

  5. Vediamo un po’: Il lemma del segno zodiacale sotto il quale sono nata è “IO DESIDERO”, quindi la mia vita ha girato per anni intorno alla possibilità reale di ottenere ciò che volevo. Mi rendevo perfettamente conto che i desideri che avevo erano del tutto superficiali e temporanei (normale: ho iniziato a 16 anni) ma ero affascinata dalla possibilità di capire se la cosa dipendeva dalla propria volontà o se era sempre e comunque subordinata a una Volontà superiore, con la quale mi sarebbe tanto piaciuto poter contattare. Ho deciso quindi di provare a desiderare con tutte le mie forze e mi sono resa conto quasi subito che il peggiore ostacolo a cui mi trovavo di fronte, era la mia mente con tutti i suoi complessi di inferiorità che mi diceva che non ci credevo abbastanza. Trovai la soluzione nella cosiddetta “Magia”, dalla quale imparai piccoli segreti di sapienza antica, e con un misto di autosuggestione e fede nel non-si -sa-cosa, cominciai ad avere dei risultati…e allo stesso tempo ad averne paura! Insomma cominciai a sospettare che SI, SI POTEVA AVERE TUTTO, ma che non era lecito desiderare qualsiasi cosa. Da qualche parte dentro di me prendeva forma la voce della mia coscienza che mi invitava a allontanarmi dai desideri egoistici e fini a se stessi, non per falsa moralità acquisita, ma perchè in fondo sapevo che la maggior parte dei desideri che avevo NON ERANO MIEI, e non solo non mi sarebbero serviti ma mi avrebbero allontanato da me stessa. così con la comprensione del “SI PUO'” è arrivato il “NON SI DEVE”, e il perchè non si deve mi ha portato alla comprensione del mio unico e vero desiderio: “REALIZZARE ME STESSA ED ESSERE QUELLO CHE SONO …VENUTA A ESSERE” . Percorrere la distanza tra quello che sono e quello che sono sempre stata, è l’unico desiderio genuino della mia anima, tutto il resto è d’adorno. Quando ho capito in che direzione avrei dovuto incanalare la mia volontà, ho smesso automaticamente di preoccuparmi delle cose esterne: da quel giorno non mi è mai più mancato nulla, sembra che la Vita stessa appoggi la mia scelta poichè giornalmente trovo con facilità ciò di cui ho bisogno e nel modo in cui ho bisogno di incontrarlo… come del resto è successo col tuo blog! Felice di conoscerti.

  6. In effetti anche a me, in passato, è capitato che meno importanza davo agli eventi (rassegnazione?) più gli eventi stessi giravano a mio favore.
    Certo è anche vero che dare meno importanza alle varie cose…che fatica!!

  7. Dunque ieri sera mi lamentavo con me stessa, brontolando ben bene che in una chat che ogni tanto frequento non riuscivo a trovare persone che stessero lavorando su se stesse in maniera efficace ed attiva … Mi pareva di vedere i tanti pentoloni di lamentele (e mi lamentavo anche io…)
    E stasera trovo questo blog, non solo interessantissimo per me (sono argomenti che divoro con passione) ma frequentato da persone che lavorano e ci credono…
    Io credo alla Legge dell’Attrazione, credo fermamente al potere del pensiero quanto al potere delle credenze (e alla loro modificabilità… è dura ma tutto cambia)…. e stasera sono qui.
    Grazie

    1. @Paola: Grazie e Benvenuta. E’ un onore per me averti tra di noi e sapere che gli argomenti che tratto sono di tuo gradimento 🙂

  8. dunque…provo a metttere in pratica la Legge d’Attrazione, smetto di avere atteggiamenti vittimistici, mi apro alla gratitudine, all’accettazione, accetto che tutto ciò che capita nella mia vita sia stato da me richiamato ma, alla fin fine, continuo a tirare fuori rabbie, rancori, frustrazioni, poi perdono, ripulisco e passo al livello successivo -alle volte mi sembra proprio un video-game- ma sempre qui staziono!!! non trovo il nocciolo della questione, il perchè di tutta questa ricerca…e mi deprimo!!! passo giorni a fare lo struzzo e poi cerco qualche nuovo appiglio per uscire dal pantano perchè nessuno mi ha pagato le bollette e se nn reagisco mi tagliano i fili, perchè nn ho vinto il gratta e vinci eppure devo pagare le scadenze altrimenti si va a vivere sotto i ponti e nn ci si può piu’ collegare ad internet senza cell o pc!!! quindi continuo a fluttuare tra la depressione e la gratitudine per quello che già ho…..ma nn vedo la via d’uscita!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  9. Condivido appieno quello che dici, e che soprattutto non è facile distaccarsi dall’importanza che noi diamo all’oggetto del nostro desiderio.
    L’alternativa….uhm ottimo e più semplice da attuare che non creare distacco.
    Grazie
    Alberto

  10. bella e interessante lettura è difficile metterla in pratica ma effettivamente ha del vero, pensando al mio passato, ci sono cose che coincidono, qualcuna meno, ma è interessante

  11. (Mistero del Mondo)
    Un misto tra Transurfing e The Secret .. 🙂
    Mi piace..

    *Quindi consigli di compilare es. l’assegno con la cifra desiderata e la data di riferimento, osservarlo per qualche istante ogni giorno e non attribuire importantaza,ma essere contenti e grati ..tanto so che già esiste in me .
    Nel caso non arriva,non fa nulla..
    Giusto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *