Città Multidimensionale appare per pochi istanti in Cina

Benvenuto Viaggiatore. Non ho bisogno di dimostrare nulla, i fatti parlano da soli. Io sono solo un narratore. A te la scelta se credere o no.

La misteriosa città apparsa dal nulla in Cina.

Giugno 2011, I Cittadini di Huangshan guardando oltre il fiume Xin’an avrebbero ammirato per alcuni minuti una Città mai vista prima, in quel luogo non avrebbe dovuto esserci nulla, eppure erano visibili chiaramente strade, palazzi, montagne. Il tutto era contornato dalla nebbia per rendere ancora più suggestiva l’apparizione. 

I cittadini più scaltri hanno immediatamente messo mano a macchine fotografiche, videofonini, ecc.. per immortalare l’incredibile momento.

Come sempre l’uomo ha paura di ciò che non comprende e ha tentato di dare una spiegazione scientifica al fenomeno.

La spiegazione Scientifica: Si tratta di un fenomeno che si verifica dopo un periodo di grandi piogge e di forte umidità. Secondo gli esperti, il fenomeno osservato, si presenta quando la temperature dell’umidità dell’aria diventa più calda delle acque sottostanti. I raggi del Sole passando dall’aria più fredda a quella più calda, causerebbero un fenomeno di rifrazione. Oltre le acque del fiume si sarebbe prodotto un riflesso della città di Huanshan e dei paesaggi circostanti.

Dubbi sulla spiegazione scientifica sono legittimi, i palazzi erano li. Paragonando le foto scattate della città multidimensionale con quelle di Huanshan e dei paesaggi circostanti non si trova nessuna corrispondenza. Il fenomeno è stato documentato dai giornali di tutto il mondo, quello che sapeva dell’incredibile è stato prontamente smentito bollandolo come miraggio.

Se oggi cerchi su Google “Huanshan città fantasma” trovi centinaia di articoli dal titolo: “Cina, risolto il mistero della città fantasma”.

Le città multidimensionali esistono, in rari casi, per un fenomeno energetico si aprono dei portali visivi. Sono come l’oblo di una nave, guardandovi attraverso riesci a vedere le magiche città. Ho usato il termine “Portali Visivi” perché essi permettono solo di osservare, non di accedervi. Per accedere devi essere invitato.

Quest articolo segue un filo logico, qui puoi trovare l’intera storia: http://www.ilmisteriosomondo.com/la-storia/

11 pensieri su “Città Multidimensionale appare per pochi istanti in Cina

  1. In Cina, in una caverna nella zona montana di confine col Tibet chiamata “Baian Kara Ula”, archeologi cinesi rinvennero piccoli scheletri e dischi di pietra, testimonianze di un UFO crash avvenuto 12.000 anni fa. Tali 716 dischi hanno al centro un foro circolare e presentano sulla loro superficie solchi a spirale incisi finemente. Decifrando talli messaggi “litici”, Tsum Um Nui dell’accademia di preistoria di Pechino, apprese messaggi riguardanti un’astronave atterrata in quella località 12.000 anni fa e la storia “degli abitanti di un altro mondo bloccati in quelle montagne”…

  2. @Riccardo: Grazie, ho dato un occhiata ad uno dei dischi di cui parli. Le immagini impresse su esso sembrano far riferimento all’energia spiraliforme che emana il sole. Sembra voler indicare che questo tipo di energia sostiene la vita di tutte le specie.

  3. Bravissimo Bragkor, e ti dirò di più, hai parlato di un’energia spiraliforme che viene dal Sole. Infatti sia la Terra che il Sole sono immobili. Si credeva che fosse il Sole a ruotare attorno alla Terra, poi a seguito di “osservazioni” si scoprì che la Terra girava attorno all’Astro del Sapere. Presto si scoprirà che se abbiamo l’illusione del roteare è a causa del movimento spiraliforme della luce Solare che viene irradiata verso la Terra. Un abbraccio fraterno

    1. @Riccardo:Quello di cui parli fu ipotizzato da Guglielmo Marconi. Lui, secondo i suoi studi, formulò questa teoria: La Terra emette un energia spiraliforme che va verso il sole con un movimento rotatorio sinistro. Il Sole emette un energia spiraliforme che discende verso la Terra con un movimento rotatorio destro. Tutti i corpi celesti sono fermi, compresa la Luna e la Terra, il loro movimento è dato dalle energie rotative, solare e terrestre, che producono ai nostri occhi un effetto ottico stroboscopico. Non mi pronuncio su questa teoria, ma Guglielmo Marconi nacque nel 1874 e lascio questa dimensione nel 1937. Non ebbe esperienze di viaggi fuori dall’atmosfera terrestre, Il primo allunaggio di un essere umano fu quello di Neil Armstrong, comandante della missione Apollo 11, il 20 luglio 1969. Magari, con i dati raccolti da viaggi spaziali, avrebbe confermato, smentito o perfezionato le sue teorie. 😉

  4. Vangelo Apocrifo di Tommaso: “Se vi chiedono: “Da dove venite?”, rispondete: “Veniamo dalla luce, dal luogo in cui la luce si autogenerò, si innalzò e si manifestò nella loro immagine”. Se vi chiedono: “Chi siete?”, rispondete: “Siamo i suoi figli e siamo gli eletti del Padre vivente”. Se vi chiedono: “Qual’è il segno del Padre in voi?”, rispondete: “E’ il MOTO e la QUIETE”. Questo Vangelo fa riflettere circa quello di cui stiamo parlando… lo stesso Marconi faceva parte di un certo ordine iniziatico. Un giorno un folle andò per lavorare con lui e ne perfezionò le conoscenze acquisite, un vero genio, io credo che tu ne conosci anche il nome. Un abbraccio fraterno Bragkor

    1. @Riccardo: Anche tu citi il “Quinto Vangelo”, ne ho fatto uno studio approfondito e parla del “Vero Gesù” figura manipolata da “Saulo” nel suo Vangelo. Vangelo significa “Buona Notizia” e Apocrifo sta per “Nascosto” In poche parole il “Vangelo di Didimo” è La Buona Notizia Nascosta, nascosta fino a quando la Brocca di Acquarius non ha deciso di rivelare parte del suo contenuto.
      Buona giornata Amico.

  5. Si Bragkor, amo il quinto Vangelo, non è un libro di informazioni sulla vita del Maestro, ma Operatività allo stato puro. Con le chiavi che la Tradizione Prima mette a disposizione si scopre che in quel Vangelo ci sono istruzioni Alchemiche per la trasmutazione cellulare. E’ bello sentirti parlare della brocca di Acquarius, perché studiandone l’immagine viene anche fuori il significato di Ankh, guardalo e poi se puoi scrivimi in privato per farmi sapere se ti è risaltato all’occhio in caso contrario se ti va, ti mostro io alcune cose. Ritornando al Vangelo di Tommaso io lo chiamo il Terzo Vangelo perché anche insieme ad altri due canonici parla di Operatività, e quello di Tommaso è la fase conclusiva della Grande Opera. Presi alla lettera non servono perché ben altra è la storia del Rabbì dalle vesti di lino che Saulo come dicevi tu, manipolò per i suoi scopi. Tuttavia credo ci sia la possibilità di una reale conversione da parte sua. Dove abito io, cioè nella zona di Pozzuoli è risaputo il passaggio di Saul. Ma non si conosce la zona precisa, molti ne indicano una che io non ho mai sentito vera del tutto. Un giorno passai accanto ad una chiesa con la macchina mentre accompagnavo la mia ragazza a casa, non avevo mai preso quella strada per accompagnarla. Mentre passavo di lì una voce mi disse: “Di qui è passato Saul”. Rimasi interdetto chiesi alla voce dove era diretto, e la voce mi rispose: “Stava scappando dai romani”. La voce non aggiunse altro e sparì, e da quel giorno ho lasciato uno spiraglio dentro di me alla possibilità che forse, Saul aveva deciso di volgere le spalle alle tenebre della coscienza egoica umana. Un abbraccio fraterno Bragkor, e continua così stai togliendo un bel pò di veli dalle menti di tanti lettori

    1. @Riccardo: Grazie, In realtà il Vangelo di Didimo è il Primo Vangelo. Comunque la storia è lunga, poi pian piano la approfondirò.

  6. Se la luna fosse ferma come mai andando semplicemente a dritto gli astronauti dell’ Apollo l’ avrebbero mancata e sarebbero andati a zonzo per lo spazio esterno per sempre? Se gli astri fossero fermi non si capirebbero i calcoli volti a capire verso quale punto di cielo sparare il missile! Se la terra fosse immobile allora come spiegare l’ alternarsi delle stagioni ed i periodi di vicinanza e lontananza dal sole in quanto il movimento di rivoluzione del pianeta descrive un’ ellissi e non un cerchio! Via non vorrete tornare al periodo dell’ ‘eppur si muove’?

    1. @ Derby Crash: Non riesco a comprendere cosa centri il tuo commento con quest’articolo.
      Comunque, per rispondere alla tua domanda, non necessariamente una cosa deve essere in movimento per percepirla in movimento, esiste uno studioso terrestre, Pierluigi Ighina, che ipotizza proprio l’assenza di movimento negli astri e se è per questo anche l’assenza di movimento del flusso sanguigno nelle vene e arterie, per comprendere questa teoria ti consiglio di documentarti sui suoi studi. Con questo non voglio dire che sono d’accordo con questa teoria, ma in un universo dove la materia è guidata dal pensiero, tutto esiste, come tutto non esiste

      1. Purtroppo conosco le teorie d’ Ighina… l’ essere stato un aiutante di Marconi gli ha dato quella visibilità immeritata che molti scienziati di ben altro livello avrebbero meritato! Lo stesso Marconi per alcune delle sue ultime usciter credo che si sia rigirato nella fossa! Vabbe’ alla fine aveva proprio perso il capo. Quello che intendevo con il mio ultimo post (sia chiaro ben lungi dal contestare il multiverso che considero una teoria estremamente plausibile oltre che incredibilmente affascinante) era che gli astri, al di là di quello che ne dica Ighina, sono chiaramente in movimento. Se c’è una certezza, una, riguardo l’ universo è che tutto è in movimento anche se le forze che ne determinano i movimenti non ci sono ancora per niente chiare. Pensa a quanto sia debole la forza di gravità! Non basta a spiegare l’ entropia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *